Taste to Taste gallery: da New York alla Sardegna

Primo Giorno, da New York a Baradili, fino alla Cantina Su ‘Entu


 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Secondo giorno, la tappa obbligata al Mercato di San Benedetto a Cagliari


Questo slideshow richiede JavaScript.

Terzo giorno, divisi in due squadre i ragazzi si sfidano


Questo slideshow richiede JavaScript.

Quarto giorno, la cena di Gala al Ristorante S’Apposentu di Casa Puddu


Quinto giorno, Baradili Capitale della Pizza, anteprima della manifestazione I fili del Gusto. Vedi le foto qui.


Sesto giorno, i ragazzi sono impegnati a Baradili per I fili del gusto. Vedi le foto qui.

Seconda fase del progetto: la delegazione americana in Sardegna

Il programma dell’educational tour si articola in visite di studio presso produttori locali, formazione intensiva su tecniche di cucina, produzione locali, giornate di affiancamento a chef affermati, sfide in cucina e cooking show.  La fase di scambio in Sardegna rappresenta la seconda fase del progetto e consentirà alle due delegazioni di vivere una settimana tra tecnica, cultura ed esperienze in cucina in un contesto autentico e a contatto con le tipicità della nostra Isola.

Dal palcoscenico di New York al paese più piccolo della Sardegna, Baradili, che conta 82 abitanti, lo stacco culturale è enorme ma è proprio questo l’aspetto sconvolgente ed emozionante dello scambio culturale: poter apprezzare la diversità.  Sono infatti questi gli stimoli che consentiranno ai partecipanti di crescere e di tornare a casa con un bagaglio culturale arricchito.

Il progetto, infatti, oltre ad offrire ai giovani un importante stimolo professionale, mira a rafforzare lo spirito di squadra e di amicizia nato durante l’esperienza dello scorso giugno a New York.

L’ASPAL consoliderà le relazioni di collaborazione con l’Associazione Italiana Chef di NY (partner di progetto) e con l’ICE -Institute of Culinary Education per successivi progetti di formazione e di mobilità professionale nel settore della ristorazione.

 

L’arrivo a Cagliari è previsto per il 26 settembre, dopo il trasferimento a Baradili presso l’Accademia di Casa Puddu, dove si svolgerà il welcome briefing, è prevista una visita presso il produttore Su Entu a Sanluri e una visita guidata alle tenute e alle cantine.

Mercoledì 27 Roberto Petza accompagnerà i giovani chef al mercato civico di San Benedetto, per illustrare i prodotti ed in particolare il mercato ittico tra i più grandi d’Europa. Seguirà una breve visita guidata alla città di Cagliari mentre nel pomeriggio, a Baradili, le squadre di aspiranti chef saranno a lavoro per la preparazione della sfida in cucina che coinvolgerà i giovani nella giornata di giovedi.

Giovedì 28 giornata di preparativi per la grande sfida a squadre miste, composte da giovani di entrambe le delegazioni, sarda e americana, che saranno capitanati dai vincitori della sfida di New York durante la fase di scambio di giugno. I giovani dovranno preparare e servire il menù a tre portate per la cena che sarà aperta ad un gruppo di 80/100 clienti, oltre  ad esperti e giornalisti del settore. La giuria tecnica sarà presieduta da Antonio Guida, patron del Seta,  ristorante del Mandarin Oriental, con 2 stelle Michelin.

Venerdì 29 l’intera giornata sarà dedicata a una master class sulla preparazione del gelato italiano, sotto la guida dei maestri della Carpigiani.

Alle 21 le due squadre di aspiranti chef faranno l’esperienza della cena (preparazioni e servizio) presso il ristorante Stella Michelin S’Apposentu di Casa Puddu..

Sabato 30 il programma prevede un momento di approfondimento culturale presso i siti archeologici della Marmilla, mentre nel pomeriggio partiranno i laboratori della mozzarella e della pizza secondo la tradizione napoletana.

Domenica 1 ottobre l’evento finale del progetto sarà ospitato all’interno della manifestazione “I fili di gusto”. La giornata prevede un convegno con autorità locali, esperti, giornalisti con un approfondimento dedicato al progetto TASTE TO TASTE con gli interventi di Michele Mazza (Presidente di AICNY) e del direttore generale dell’ASPAL Massimo Temussi. Dall’ora di pranzo sono previste degustazioni, cooking show e lezioni di cucina che proseguiranno nel corso della giornata.

Lunedì 2 ottobre la delegazione americana farà rientro a New York.